+39 334.63.30.452 info@quattrovacanze.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Birth Date*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login

Azerbaijan – La terra del fuoco

0
Partenza garantita
da€1,974
The tour is not available yet.

Avanti

Salva tra i preferiti

Adding item to wishlist requires an account

1154

I pacchetti QuattroVacanze

  • Il prezzo è calcolato per gruppi di almeno 2 persone
  • Il viaggio viene confermato al raggiungimento del numero minimo
  • E’ possibile partire anche in 1 persona ma il prezzo potrebbe essere differente da quello mostrato nella proposta

8 Giorni - Partenza garantita
Disponibilità : 17 giugno/ 15 luglio / 12 agosto/ 16 settembre/ 14 ottobre
roma
Azerbaijan
Max People : 12
Dettagli del Tour

Questa è la Terra del Fuoco e la Perla del Caucaso, una terra in cui i colori orientali si combinano magnificamente con il progresso occidentale. L’Azerbaijan è un paese di natura unica, cultura senza pari e storia secolare. un luogo in cui le aspettative dei più sofisticati gastronomisti vengono soddisfatte, e, infine, è il paese di ospitalità e cordialità del Caucaso.

L’Azerbaigian è situato sul lato orientale della Transcaucasia (o Caucaso meridionale), sulle rive del Mar Caspio. La popolazione dell’Azerbaigian è oltre 9,8 milioni e il territorio copre un’area di 86,600 chilometri quadrati. A secondo di queste entrambe cifre, l’Azerbaigian è il più grande paese del Caucaso meridionale. La città di Baku è la capitale e la città più grande del paese. La lingua nazionale è l’azerbaigiano. Tuttavia, il russo è anche ampiamente usato e molti residenti più giovani parlano anche inglese. I paesi con cui confina l’Azerbaigian, sono l’Iran (765 km), la Turchia (15 km), la Russia (390 km), la Georgia (480 km) e l’Armenia (1007 km). Le sponde orientali del paese sono bagnate dalle acque del Mar Caspio.

Storicamente una parte della Grande Via della Seta e gli interessi geopolitici, economici e culturali di molte nazioni e civiltà. I riferimenti a questa terra straordinaria, che si trova sulla costa occidentale del Mar Caspio e nella parte orientale del Caucaso meridionale, si possono trovare negli antichi scritti di Erodoto, Strabone, e Claudio Tolomeo. L’Azerbaijan ha uno straordinario patrimonio storico e culturale con oltre 7500 monumenti naturali, archeologici, architettonici e storici. disegni rupestri in Gobustan, Momina Khatun e Mausolei di Gharabaghlar, il Palazzo dei Khan di Sheki, la Torre della Vergine, i castelli di Absheron, manoscritti medievali decorati con dipinti in miniatura magnifica, tappeti antichi e opere di letteratura, arte e scultura – tutto questo è solo una piccola parte del patrimonio ricco e inestimabile del paese.

L’Azerbaijan viene spesso definito la “Terra del Fuoco”. È noto che prima di Cristo la maggior parte degli abitanti di questo territorio era zoroastriana. Da allora, il paese ha conservato le antiche testimonianze di quell’epoca: pitture rupestri, statue di dei e antichi templi. Due degli esempi più vividi di questo patrimonio sono il tempio degli adoratori del fuoco (“Ateshgah”) a Surakhani vicino a Baku e “Yanardagh”, tradotto come “la montagna che brucia”. Secondo la leggenda, il tempio “Ateshgah” fu costruito dagli adoratori del fuoco, che arrivarono qui dopo aver saputo dell’esistenza del fuoco eterno, emesso dalla terra. Erano così stupiti da ciò che avevano visto, che costruirono un tempio proprio in quel

luogo. Queste terre erano considerate sacre per molti secoli e nel corso della storia furono adorate dai seguaci dello zoroastrismo, dell’ induismo e del sikhismo.

La retorica del fuoco, tramandata di generazione in generazione, si è riflessa nelle molte opere artistiche di maestri azerbaigiani nel corso dei secoli, e di recente ha raggiunto il suo culmine nella forma del complesso “Flame Towers” costruito a Baku non molto tempo fa. i Flame Towers in un breve periodo di tempo, sono diventati un punto di riferimento architettonico mozzafiato della capitale, che incarnano un omaggio alla nostra storia, e che rappresentano il contemporaneo Azerbaigian – un nuovo Paese ambizioso, in via di sviluppo e progresso, ma ancora fedele alle sue radici e origini.

L’Azerbaijan è l’ovest dell’est e l’est dell’ovest! Benvenuti!

 

 

 

Partenze e Arrivi

Incontro all’aeroporto Leonardo da Vinci di Roma

La quota comprende

  • 6 pernottamenti , trattamento B&B - Sistemazione in camera doppia/matrimoniale in albergo 4*
  • Tutti i trasferimenti/visite/ingressi da programma
  • colazione in hotel - 3 pranzi in ristoranti locali di campagna
  • guida parlante italiano
  • biglietti d'ingresso
  • assicurazione medico bagaglio

La quota non comprende

  • voli e tasse
  • bevande alcoliche
  • facchinaggio
  • mance per guida e autista
  • Tutto quanto non espressamente indicato ne "la quota comprende"
  • Transfer da e per l'aeroporto al costo di 40€
Itinerario

Giorno 1 Arrivo a Baku

 

 

Giorno 2 - sabatoBaku

Dopo la prima colazione, la visita guidata a piedi di Baku comprende la città medievale fortificata “lcheri Sheher” con i suoi stretti vicoli, caravanserragli storici, le moschee e il Palazzo degli Shirvan Shah, patrimonio dell’UNESCO. Vedremo la Torre della Fanciulla (vista esterna), patrimonio dell’UNESCO, gli imponenti palazzi dei baroni del petrolio, costruiti nel periodo del boom petrolifero.
baroni del petrolio, costruite durante il boom petrolifero del 1870-1914, e la Torre del Martire con la sua
vista superba sulla baia di Baku.
Il complesso del Palazzo Shirvanshahs è stata l’ultima residenza dei governanti dello Stato  di Shirvan con una storia di migliaia di anni. In epoca medievale  questo Stato era il più potente dell’Azerbaigian. Il Palazzo Shirvanshahs è un edificio a due piani di forma irregolare, forma rettangolare. Per illuminare meglio il palazzo, la parte  e per fornire una migliore illuminazione del palazzo, la parte sud-orientale dell’edificio è stata costruita su diversi livelli.
Successivamente visiteremo il Museo dei tappeti dell’Azerbaigian. Il museo possiede la più grande
collezione di tappeti azeri del mondo. Il museo è diventato un centro di ricerca-formazione e di educazione culturale, dove molti eventi, come mostre, simposi internazionali e conferenze.
 Il progetto di trasferire la collezione in una nuova sede appositamente costruita è in corso dal 2010       quando i tappeti azerbaigiani sono stati   inseriti dall’UNESCO come “Capolavoro del patrimonio immateriale”. La struttura dell’edificio è stata pensata per assomigliare a un tappeto arrotolato.
Progettato dall’architetto austriaco Franz Janz, la costruzione dell’edificio ha richiesto oltre sei anni.
anni per la sua costruzione.
Pernottamento in hotel a Baku.
*Il Museo dei tappeti è chiuso il lunedì. (B/-/-)
 

Giorno 3Baku - Gobustan - Baku - 130 km

 Questa mattina lasceremo Baku per la Gobustan Historical Reserve (65 km di distanza). La riserva è ben nota con lepitture rupestri perfettamente conservate – petroglifi – una sorta di “archivio” artistico dell’umana evoluzione sulla Terra. Riflettono la storia di questa regione per quasi 15.000 anni – dalla fine dell’era dell’Alto Paleolitico fino al Medioevo. Prima dell’inizio del tour in giro a Gobustan visiteremo il museo interattivo con lo stesso nome, dove con l’aiuto di programmi speciali e multimediali touch screen otterremo informazioni sulla natura, la flora di Gobustan.

Nel 2007 Gobustan è stato dichiarato Sito Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.
 
Durante la sua visita in Azerbaigian Thor Heyerdahl era stato a lungo affascinato dalle incisioni rupestri che risalgono all’VIII-VII millennio aC a Gobustan (circa 30 miglia/48 km a ovest di Baku). Era
 convinto che il loro stile artistico somigliasse molto a quello delle sculture trovate nella sua nativa Norvegia. I progetti navali, in particolare, erano considerati da Heyerdahl simili e disegnati con una semplice linea a forma di falce, che rappresenta la base della barca, con verticale linee sul ponte, che illustrano l’equipaggio o, forse, i remi alzati.
Guarderemo l’unica iscrizione latina romana in Gobustan   lasciata dai Legionari Romani.
Visiteremo i vulcani di fango (a seconda delle condizioni meteorologiche, possibile solo
quando le strade sono asciutte).
Pomeriggio libero (B/-/-)

Giorno 4 Baku – Shemakha – Sheki, 350 km

Lasciandoci alle spalle Baku, il nostro viaggio ci porta attraverso la bellezza dei paesaggi sulla strada per Shamakhi.
All’arrivo a Shamakhi avremo un giro turistico storico della Moschea Djuma (X secolo, ricostruita nel XIX secolo). Questa moschea più antica e più grande dell’Azerbaigian, Shamakhi Djuma,
secondo la leggenda fu costruito nell’VIII secolo quando Shamakhi fu scelto come residenza da un califfo arabo.

Costruita più di 1.200 anni fa rimane ancora la moschea Shamakhi Djuma
una delle più grandi strutture di culto del Caucaso.
Poi arriveremo a Sheki. Pernottamento in hotel a Sheki. (B/L/-)

Giorno 5Sheki – Kish – Sheki, 10 km

 Una delle città più antiche dell’Azerbaigian, Sheki è giustamente chiamata la riserva architettonica del paese. Visita al bazar locale.
Di particolare interesse per i turisti di tutto il mondo è il Palazzo di Sheki Khan (1762) – un raro esempio di combinazione di tradizioni architettoniche nazionali e di palazzo. È notevole che
durante la costruzione del palazzo non fu utilizzato un solo chiodo, e fu portato il vetro colorato per lo shebeke (mosaico nazionale) da Venezia.
C’erano molti caravanserragli a Sheki,  famoso il suo commercio. Due di loro sono ancora qui oggi; la Superiore e la Caravanserragli inferiore, entrambi costruiti nel XVIII secolo.
Quindi visiteremo una chiesa del XII secolo a Kish che è stata visitata dal famoso avventuriero norvegese Thor Heyerdahl.
Successivamente proveremo un dessert sheki halva unico.
Pernottamento in hotel a Sheki. (B/L/-) 

Giorno 6Sheki - Gabala - Baku, 350 km

 Ritorno a Baku. Lungo la strada ci fermiamo nel villaggio di Nidj Gabala per visitare la chiesa locale e incontrare gli Udis cristiani locali dalla minoranza udi. Visiteremo il museo di Udis. “Udì Ocagi” parco museo storico etnografico si trova nella pittoresca pianura del versante meridionale del Grande Caucaso, nei sobborghi del villaggio Gojabeyli  Nij della regione Gabala . Situato su più di tre ettari, questo parco all’aperto è un simbolico villaggio etnografico che riflette la cultura, le tradizioni,
stile di vita e stile di vita del popolo Udi.
Continuiamo quindi verso ovest fino a raggiungere la città di Gabala dopo un buon viaggio di due ore tra alte montagne e verdi foreste. Scendiamo dall’autobus ed esploriamo le tracce del 2.500-
a piedi la città in rovina di Chukur Gabala.
Pernottamento a Baku. (B/L/-)
 

Giorno 7Baku – Absheron – Baku, 70 km

Dopo colazione godrete di un’escursione di mezza giornata all’AbsheronPenisola (a 30 km dal centro della città), visitando l’Ateshgah (o luogo del fuoco) un tempio del fuoco zoroastriano ed  l’etnografico
Museo Gala . Il Tempio del Fuoco Eterno – Ateshgah – è un autentico esotico azero. Questo territorio è noto per tale unico fenomeno naturale come la combustione di punti vendita di gas naturale (sotterraneo), il gas che sale in superficie entra in contatto con l’ossigeno e si illumina).
Visita della Casa-Museo Nobel. Costruita nel 1884, Villa Petrolea fu residenza dei fratelli Nobel per quasi 40 anni. Nel 1879 loro fondarono la Brothers Nobel Oil Company – “Branobel”, che
ben presto divenne una delle più grandi compagnie petrolifere del mondo.
Visita del Centro Culturale Heydar Aliyev. Heydar Aliyev Center è un centro culturale, progettato come un complesso con una struttura che comprende l’auditorium (centro congressi),  unmuseo, sale espositive, uffici amministrativi. Il progetto del center è stato progettato dal vincitore del premio Pritzker e architetto di fama internazionale Zaha Hadid.
Pernottamento a Baku.
*Il centro Heydar Aliyev è chiuso il lunedì. (B/-/-)
 

Giorno 8Partenza

In mattinata trasferimento all’aereoporto. Partenza

Notizie utili
Requisiti di ingresso COVID-19 Le restrizioni all'ingresso sono state completamente revocate per i viaggiatori che entrano in Armenia, poiché i test PCR e la prova dello stato di vaccinazione non sono più richiesti. L'ingresso nella Repubblica di Armenia continua a rimanere aperto attraverso le frontiere aeree e terrestri. Quindi goditi la tua vacanza in modo sicuro e confortevole! Contatti di emergenza Vigili del fuoco - 101 Polizia - 102 Ambulanza - 103 Servizio di emergenza gas - 104 Centro di gestione delle crisi per situazioni di emergenza - 911 Linea diretta del comune di Yerevan - 105 Linea diretta dei difensori dei diritti umani dell'Armenia - 116 Linea diretta dell'aeroporto internazionale di Zvartnots - 187 Centro informazioni Ci sono un certo numero di centri di informazione per i visitatori sia a Yerevan che in tutta l'Armenia che possono fornire informazioni affidabili e accurate sulle destinazioni e sulle attrazioni vicine. Yerevan ha tre centri di informazione in posizione centrale: Piazza della Repubblica: Nalbandyan 2/1, Yerevan Piazza Francia: Baghramyan 2/5, Yerevan ESCURSIONEArmenia: Vardanants 5, Yerevan I centri di informazione nelle regioni includono: Debed Canyon: strada di accesso al villaggio di Debed, Lori Dilijan: 15/2 Maksim Gorki, Dilijan, Tavush Sevan: Penisola di Sevan, Gegharkunik Garni: 6 Shahumyan, Garni, Kotayk Arpa: 1, 8/1 Yerevanyan Hwy, Yeghegnadzor, Vayots Dzor Goris: 4 Arshakunyats, Goris, Syunik Internet mobile I servizi mobili e l'acquisto di carte SIM sono molto accessibili e convenienti in Armenia. I piani possono essere acquistati (mostrando il passaporto) per un massimo di $ 12 USD al mese. Questi piani includono dati illimitati, SMS e chiamate nazionali e internazionali verso paesi come il Canada e gli Stati Uniti. Le carte SIM possono essere acquistate presso l'aeroporto internazionale di Zvartnots vicino al ritiro bagagli e i fornitori di servizi di telefonia mobile si trovano in tutta la città. La copertura del servizio è diffusa anche in tutta l'Armenia. Che tu sia nel cuore di Yerevan o che faccia un'escursione nel Parco Nazionale di Dilijan, avrai quasi sempre una buona accoglienza. Le lingue La lingua ufficiale dello stato è l'armeno, mentre il russo è anche ampiamente parlato dalla maggior parte. Anche l'inglese è prevalente, soprattutto tra le giovani generazioni. È probabile che la maggior parte del settore dei servizi parli almeno 2 di queste lingue e quasi tutti i ristoranti hanno menu trilingue (armeno, russo e inglese). Quindi, buon appetito! Tuttavia, un'app traduttore può tornare utile se non parli armeno. Fatti un favore e scarica un traduttore prima del tuo arrivo per evitare problemi di comunicazione durante il tuo soggiorno nella bellissima Armenia! Vuoi praticare il tuo armeno? AYOlingo è un'app in lingua armena in cui puoi iniziare a imparare la lingua antica. Guidare in Armenia Se provieni da un paese che fa parte della Convenzione di Vienna sulla circolazione stradale, puoi guidare in Armenia senza una patente di guida internazionale. Coloro che non provengono da uno dei paesi elencati dovranno ottenere una patente di guida internazionale per guidare legalmente in Armenia. Ci sono molti marchi internazionali che offrono servizi di autonoleggio in Armenia e i modelli più convenienti partono da circa $ 25 al giorno. Bancomat e contanti Sebbene le carte di credito siano ampiamente accettate a Yerevan, l'Armenia nel suo insieme non è senza contanti come altri paesi europei. Pertanto, si consiglia di avere sempre con sé contanti nel caso in cui si incontrino ristoranti, mercati o altri servizi che non accettano carte. Il sistema della metropolitana di Yerevan funziona con un sistema a moneta/gettone che costa 100 AMD e può essere acquistato solo in contanti. Se hai intenzione di prendere un taxi, è utile avere contanti con te. Per fortuna, a Yerevan ci sono molti bancomat e uffici di cambio valuta. Alcuni dei principali supermercati hanno persino chioschi dove puoi cambiare la tua valuta. La vita in Armenia diventa rurale molto rapidamente, quindi assicurati di avere sempre contanti con te, specialmente quando ti avventuri fuori da Yerevan. Voltaggio Le prese di corrente in Armenia sono principalmente di tipo C, che è la presa europea standard. Puoi utilizzare i tuoi apparecchi elettrici in Armenia se la tensione standard nel tuo paese è compresa tra 220 e 240 V. Se l'etichetta sul tuo dispositivo elettronico indica "INPUT: 100-240 V, 50/60 Hz", allora hai semplicemente bisogno di un tipo C adattatore da viaggio e sei a posto! Altrimenti, potrebbe anche essere necessario investire in un convertitore di tensione. Bevendo acqua L'acqua potabile in Armenia proviene da fonti naturali sotterranee ed è nota per essere tra le più fresche e deliziose al mondo. L'acqua ha un significato culturale in Armenia e c'è persino una vacanza estiva basata sull'acqua (Vardavar). Ci sono fontanelle fresche e fluenti in tutta Yerevan e nel resto del paese chiamate pulpulaks. Come fonti di acqua di sorgente di montagna fredda e rinfrescante, i pulpulak dell'Armenia saranno la tua grazia salvifica nei mesi estivi!
Foto

Avanti