+39 334.63.30.452 info@quattrovacanze.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Birth Date*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login

Armenia- Ferragosto tra Europa e Asia

0
Prezzo
da€1,300
Nome*
Indirizzo email*
La tua richiesta*
* Ho letto e accetto i Termini di condizione ela Privacy Policy.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step
Salva tra i preferiti

Adding item to wishlist requires an account

1126

I pacchetti QuattroVacanze

  • Il prezzo è calcolato per gruppi di almeno 2 persone
  • Il viaggio viene confermato al raggiungimento del numero minimo
  • E’ possibile partire anche in 1 persona ma il prezzo potrebbe essere differente da quello mostrato nella proposta

8 giorni
Disponibilità : 10/17 agosto
Roma
Armenia
Max People : 12

Arte, archeologia e paesaggi con l’Archeologo ANDREA ANGELUCCI

Dettagli del Tour

L’Armenia è un paese che vanta una storia remota e affascinante. Il suo suggestivo paesaggio è punteggiato da antichi monasteri che testimoniano una lunghissima tradizione religiosa. 

Visitare l’Armenia nel periodo di Pasqua è un’occasione da non perdere perché la Pasqua è la principale solennità per i cristiani armeni; è la festa primaverile per eccellenza, celebrazione del rinnovamento e della rinascita. 

Il popolo armeno fu il primo a convertirsi al Cristianesimo nel 301 d.C. e “Zatik” (Pasqua in lingua armena) è la festa più attesa e amata, uno dei momenti più suggestivi e magici. Insieme conosceremo gli aspetti più interessanti di questo Paese ancora poco noto e ci immergeremo nella sua avvincente storia

 

  

 

Partenze e Arrivi

Viaggio di 8 giorni /7 notti, dal 10 al 17 agosto

La quota comprende

  • Trasferimento da/per aeroporto a Yerevan
  • Tutti i trasferimenti interni secondo il programma con minibus
  • Pernottamenti con sistemazione in camera doppia: 5 x pernottamenti in albergo a Yerevan,1 x pernottamento a Goris(Hotel Mina o similare),1 x notte a Tsakhkadzor Kecharis Hotel o similare
  • Trattamento di pensione completa – colazioni, pranzi e cene ,acqua mineral,caffe/te inclusi
  • Una bottiglia di acqua (0.5) naturale al giorno per persona durante il tragitto

La quota non comprende

  • Viaggio aereo e le relative tasse aeroportuali
  • Assicurazione del viaggio
  • Bevande alcoliche ed i pasti non indicati
  • Tutto quanto non specificato alla voce “La quota comprende”

Giorno 1: Partenza dall’Italia/ Arrivo a Yerevan

All’arrivo nella capitale Armena, incontro con la guida e trasferimento in hotel. Sistemazione nelle camere riservate e pernottamento.

 

 

Giorno 2: City tour di Yerevan

Museo di Storia, Matenadaran (Museo dei Manoscritti) e Museo di Erebuni

Dopo la colazione in albergo, inizieremo le visite nella capitale Yerevan. La città è una dei centri abitati più antichi al mondo, ma il suo volto principale è quello frutto della fase sovietica, con palazzi e monumenti anche molto eleganti che solo di recente, e lentamente, stanno cedendo il posto a costruzioni più moderne. Una città quindi davvero singolare, dove si respira modernità e suggestioni da capitale europea con ristorante e caffè ma si assapora anche il freddo rigore architettonico sovietico e uno stile locale davvero peculiare nelle sue piazze più monumentali. Si inizia con la visita a Cascade, una gigantesca scalinata in marmo intervallata da statue, aiuole fiorite, fontane e spazi espositivi. Qui si possono ammirare diverse sculture e opere degli artisti contemporanei e un panorama completo sulla città e i suoi dintorni che arriva fino alla vetta innevata del monte Ararat. Nei suoi pressi sorge l’Istituto dei manoscritti Matenadaran, che custodisce più di 17.000 manoscritti e circa 100.000 documenti d’archivio, medievali e moderni, simbolo della storia millenaria del popolo armeno. Visiteremo poi il Museo di Erebuni dedicato all’antichissimo sito dell’VIII secolo a.C. capitale del Regno di Urartu citato anche nella Bibbia.  

Pernotteremo sempre a Yerevan.

Giorno 3: Yerevan, Amberd -Edjmiatsin, Zvartnots -Metsamor

Dopo la colazione in albergo partiremo per Amberd. Visiteremo il sito archeologico a 2100 metri di altitudine composto dai ruderi di un castello e da una chiesa che sarà il primo assaggio dello stile architettonico medievale tipo dell’Armenia. Lì, sulle pendici del grande monte Aragats alto quattromila metri, familiarizzeremo con il tipico paesaggio locale fatto di steppe rocciose e caratterizzato dai giganteschi spazi panoramici aperti in questo caso verso l’Ararat. Ci sposteremo poi al sito di Metzamor, a circa trentacinque chilometri dalla capitale, che risale all’inizio dell’Era del Bronzo (tra il terzo ed il quarto millennio a.C.); nell’Era del Ferro (intorno al mille a.C.) su di un’area di circa dieci ettari, sorse poi una cittadella fortificata con mura ciclopiche ed un osservatorio posto sulle pendici di una montagna. Dopo il pranzo visiteremo la Cattedrale di Edjmiatsin, il più antico tempio cristiano in Armenia e la residenza ufficiale dei Cathólicoi armeni. Secondo la tradizione San Gregorio ebbe una visione che gli indicò il luogo in cui la chiesa doveva essere eretta. Completata nel 303 d.C. fu ricostruita nel 480 e nei secoli si aggiunsero ulteriori costruzioni. Visita della Chiesa di San Hripsime (meraviglioso esempio di architettura del periodo classico armeno) ed infine alle rovine della Cattedrale di Zvartnots (Patrimonio Mondiale UNESCO) eretta nel VII secolo: una chiesa gigantesca unica nel suo genere di cui rimangono le splendide colonne di pietra in circolo – quasi una Stonhenge medievale –  tra cui è possibile ammirare, nelle giornate più terse, la mole del Monte Ararat. Rientreremo a Yerevan per la cena e il pernotto.

 

Giorno 4: Khor Virap, Areni, Noravank, Karahunj, Goris

Dopo la colazione in albergo e il check-out ci dirigeremo a Khor Virap per visitare una delle più famose “cartoline” d’Armenia, il celeberrimo monastero con la chiesa dedicata a San Gregorio. Il luogo in cui il Santo, secondo la tradizione, prima imprigionato dal re Tiridate III riuscì poi a convertirlo: fu così che questo re, convertendosi, nel 301 rese l’Armenia la prima nazione cristiana della storia. Un luogo simbolo del paese a pochi passi dal confine con la Turchia, il più vicino alla montagna sacra di Noè, l’Ararat, che qui appare immensa sopra verdi distese coltivate arrivando a sfiorare il cielo con la sua vetta ancora innevata a 5137 metri d’altezza. Proseguiremo poi per la visita del sito archeologico medievale di Dvin, non lontano da Artashat, sulla riva del fiume Metzamor, dove potrebbe esserci la possibilità di osservare degli scavi archeologici in corso d’opera. Fondata nel 335, fu una delle capitali del regno, sede patriarcale, centro culturale e commerciale di fama internazionale e una delle città più popolose del suo tempo. Anche questo è un punto ideale per la vista del Monte Ararat. Proseguiremo poi tra pianure e poi montagne per raggiungere il superbo Monastero di Noravank, risalente al XIII secolo, caratterizzato da due splendide chiese e da tantissime croci intagliate nella roccia, il tutto circondato da un magnifico panorama senza tempo. Visiteremo poi la Caverna di Areni, affascinante sito naturalistico ma anche famoso sito archeologico dove è stata trovata la scarpa più antica del mondo. Proseguiremo poi per visitare l’osservatorio astronomico preistorico di Karahunj dove si potranno ammirare degli antichissimi menhir, del peso di alcune tonnellate ciascuno, infissi sul terreno a formare un uccello ad ali spiegate recante al centro un uovo, che a sua volta pare coronasse un tempio. Per via dei fori svasati all’interno che quasi tutti i menhir presentano è stata avanzata l’ipotesi che si trattasse di un vero e proprio osservatorio astronomico preistorico.

Ci sposteremo poi a Goris per pernottare lì.

Giorno 5: Tatev, Khdzoresk, Selim Caravanserai, Lago Sevan/Tsakhkadzor

Colazione in albergo e partenza per la visita del Monastero Tatev, spettacolare  moderna funivia. Visiteremo poi Khndzoresk, un antico villaggio caratterizzato da case scavate direttamente nella roccia, accessibile mediante un ardito e modernissimo ponte tibetano in metallo che scavalca un canyon. Si prosegue poi verso nord percorrendo un ramo della famosa Via della seta per attraversare a 2400 metri di quota il Passo di Selim, ove da secoli è presente il caravanserraglio omonimo: uno dei tanti che fungevano da alloggio notturno per le carovane che trasportavano merci tra la Cina e l’occidente. Scesi dal passo giungeremo sulle rive del “mare interno” d’acqua dolce dell’Armenia, il Lago Sevan. Su una penisola visiteremo il Monastero di Sevanavank da cui si gode un bellissimo panorama sul blu del lago e dove è presente una fantastica chicca storico-artistica: una rappresentazione medievale di Gesù Cristo abbigliato e acconciato come un khan mongolo. Terminate le visite pernottamento a Sevan o Tsakhkadzor.

Giorno 6: Tsakhkadzor- Lago Sevan- Akhtala– Yerevan

08:00 Prima colazione in albergo e partenza per il sito archeologico di Solak, antico centro Urarteo, dove stanno scavando gli studiosi italiani. Proseguimento verso il bellissimo complesso monastico di Akhtala che vanta, all’interno della sua chiesa, un bellissimo – e assai raro in Armenia – ciclo pittorico di affreschi. Rientro a Yerevan verso le ore 20:00 circa e pernottamento nella capitale.

 

Giorno 7: Tempio di Garni, Monastero di Geghard, Museo del Genocidio di Yerevan

 

Dopo la colazione in albergo partiremo per visitare quello che è forse il complesso monastico più affascinante d’Armenia, quello di Geghard. Inserito in una splendida valle caratterizzata da scure rocce vulcaniche, venne realizzato presso delle grotte anticamente utilizzate da eremiti e asceti i quali si erano fermati su un precedente luogo sacro pagano. Il monastero è per metà realizzato interamente nella roccia viva con saloni, corridoi e chiese direttamente scavate nella pietra. In una di queste stanze sotterranee sgorga addirittura una sorgente la cui acqua è ritenuta sacra da millenni. Con un brevissimo spostamento raggiungeremo poi Garni, dove il pranzo è previsto in una bellissima abitazione nella quale si assiste alla preparazione del pane tradizionale “Lavash” in un forno tipico Tonir. Dopo pranzo ammireremo la meraviglia d’Armenia, un tempio pagano nel I secolo d.C. in stile romano perfettamente conservato, il più ad oriente mai costruito! Dedicato al Dio del Sole Elio o a Mitra, è un incredibile testimonianza dell’espansione culturale e politica della potenza romana, oltre ad essere una meraviglia per gli occhi in termini di armonia e bellezza architettonica. Rientreremo poi a Yerevan dove visiteremo il monumento dei Martiri del Genocidio situato sulla collina di Tsitsenacaberd, dedicato alle vittime dello sterminio subito dal popolo armeno all’inizio del XX secolo.

Terminate le visite rientro a Yerevan per l’ultimo pernottamento.

Giorno 8: Partenza

Di primo mattino ci sarà il trasferimento in aeroporto, a cui seguiranno le operazioni di imbarco e la partenza per l’aeroporto di origine.

Itinerario
INFORMAZIONI UTILI
DOCUMENTI: Passaporto in corso di validità (non inferiore al periodo di permanenza nel Paese) Non è richiesto il visto Moneta: Dram (AMD) 1 euro corrisponde a circa 441 AMD. Si può cambiare in valuta locale nelle banche e in numerosi uffici di cambio. ATM sono presenti nella capitale, in centro. Le carte di credito sono accettate, ma non ovunque Telefonia: i costi di telefonate e connessioni dipendono dal piano tariffario dei singoli operatori. Prima della partenza è opportuno informarsi presso il proprio operatore.
Foto

Avanti